Il PVC: la tecnologia che risparmia energia.

Perché scegliere le finestre in PVC ?

I serramenti possono essere realizzati in diversi materiali. Quelli più utilizzati sono il PVC, il legno e l’alluminio.

Chi vive in zone isolate come la campagna, fredde come la montagna o molto ventilate come le zone marittime o trafficate come le città ecc. dovrà scegliere un serramento che racchiuda molteplici caratteristiche come l’isolamento termico e acustico, l’elevata resistenza agli agenti atmosferici e la sicurezza all’effrazione.

Le finestre in Pvc soddisfano le più svariate necessità.

Vediamole insieme:

 

1) Materiali e Prezzo:

A parità di prestazioni, la soluzione che ha il miglior rapporto qualità/prezzo è il PVC, infatti con una finestra in alluminio a taglio termico  o in legno con le stesse prestazioni l’investimento dovrà essere sicuramente maggiore se non pari al doppio a causa dei costi di lavorazione, infatti l’alta industrializzazione del Pvc consente il contenimento dei costi rispetto alle finestre in alluminio e a quelle in legno, pur offrendo comunque altissimi standard di prestazioni termiche, acustiche e stilistiche.

2) Isolamento termico e acustico:

pvc1a) A causa delle dispersioni o più comunemente detti “spifferi”, si disperde dalle finestre in media il 25-30% dell’energia normalmente utilizzata per riscaldare la propria abitazione.

Questo valore di dispersione, detto anche “trasmittanza”, può essere ridotto a seconda del materiale con cui è realizzato il serramento e dal tipo di vetro utilizzato.

Più basso è il valore di trasmittanza, maggiore è l’isolamento.

 

pvc2

 

 

 

 

 

 

 

 

pvc3b) Tutti sappiamo cos’è il rumore. Sono in pochi, tuttavia, a considerarlo un vero e proprio inquinamento. Il rumore è una sensazione umana. Le variazioni di pressione dell’aria agiscono meccanicamente sul timpano dell’orecchio, tramite il sistema nervoso sono trasmesse al cervello per essere elaborate/valutate. L’inquinamento acustico è una somma di rumori provenienti da più fonti, in ambienti interni ed esterni, in grado d’essere percepiti dall’uomo e di influire sul proprio equilibrio psicofisico.

Per proteggerti dai rumori fastidiosi e ricorrenti è necessario scegliere finestre e vetri con alta capacità di insonorizzazione il cui valore si misura in decibel (dB).

pvc4

 

Le finestre tradizionali hanno un valore di abbattimento di 32dB, ma con particolari accessori questo valore può essere ampliato fino a 45dB.

Le guarnizioni delle finestre in PVC inoltre assorbono le vibrazioni del vetro e il profilo multicamera arresta le onde sonore ottenendo così un effetto insonorizzante elevatissimo.

 

 

 

 

3) Installazione ed estetica:

pvc5Le finestre in PVC hanno un telaio ridotto con cornici riportate che lo rendono adatto nelle ristrutturazioni senza opere murarie.

Il pellicolato utilizzato poi, oltre a fornire una vastissima gamma di opportunità stilistiche, è caratterizzato da ottimi standard qualitativi.

 

4) Pulizia e Manutenzione:

I serramenti in Pvc non necessitano di alcuna manutenzione e la pulizia è estremamente semplice e funzionale. Due volte l’anno sono sufficienti, di solito in primavera e autunno, per eliminare residui di pioggia, polvere e incrostazioni. Per la pulizia dei tuoi serramenti in PVC basteranno acqua tiepida, detergente neutro e spugna o panni in microfibra, sensibili a ogni superficie.

5) Sicurezza:

I furti nelle case aumentano ogni anno e la maggior parte dei ladri entra proprio forzando le finestre.pvc6

Il PVC è un materiale molto resistente e non permette di intraprendere quelle azioni che, negli altri tipi di serramenti, soprattutto quando scadenti, aiutano i ladri a forzare l’entrata.
Le finestre in legno, ad esempio, possono essere scheggiate in punti strategici per insinuare strumenti di effrazione. Lo stesso vale per le finestre in metallo, che possono essere piegate.

Inoltre l ’infisso in PVC presenta un’eccezionale stabilità dimensionale  che costituisce un’efficiente barriera alla forza del vento. E’ inoltre possibile applicare all’infisso in PVC elementi supplementari di chiusura e tipi di vetro specifici per zone particolarmente esposte.

 

 

ll PVC è anche…

Le caratteristiche del Pvc non finiscono qui !!

Ricordiamo che il PVC è insensibile agli acidi, inattaccabile dai microorganismi delle muffe, non assorbe acqua e resiste ad una fortissima azione meccanica del vento, è autoestinguente in quanto contiene nella propria struttura il 57% di cloro, lo rende di per sè un polimero ignifugo che a differenza di altre materie plastiche non contribuisce ad alimentare la fiamma, ma al contrario arresta la combustione non appena allontanato il focolaio.

Scegliere i serramenti in PVC significa anche essere ecosostenibili. Infatti, il PVC è costituito per il 57% da sale e per il restante 43% da petrolio. Si tratta quindi di un materiale termoplastico di origine prevalentemente naturale, che fa un uso ridotto di materie prime a disponibilità limitata e non rinnovabili. In particolare, il PVC impiegato per la realizzazione di serramenti è un PVC cosiddetto rigido perchè esente da plastificanti. Confrontata con la trasformazione di materiali alternativi, quali il legno o l’alluminio, la lavorazione del PVC determina una produzione modestissima di polvere, un’emissione minima di ossido di carbonio ed una bassa diffusione di anidride solforosa.

Sfatiamo qualche pregiudizio sul PVC…

E’ vero che le finestre in PVC si deformano ?

Il profilo in PVC delle finestre è consolidato da un’anima in acciaio che mantiene nel tempo la sagomatura iniziale del serramento. Inoltre, il PVC è un materiale più resistente alle sollecitazioni del legno e del metallo.

E’ vero che le finestre in PVC ingialliscono ?

Anche i pellicolati dei colori più tenui manterranno la propria tonalità nel tempo. Soprattutto quando vengono evitate pulizie con solventi aggressivi, vengono utilizzati prodotti specifici o seguite alcune norme base e alla portata di tutti per la pulizia delle finestre in PVC.